YouTube Channel

domenica 30 luglio 2017

"Chiuso a Tempo Indefinito"




“Chiuso a tempo indefinito”

Il cartello se ne stava là, appeso alla porta di legno come un topo morto, sporco di fango, coperto di polvere e semi marcito per via delle intemperie. Penzolava da un piccolo chiodo piantato forse qualche mese prima, forse qualche settimana, forse di più. In ogni caso, la porta era chiusa. 


Sono seduta sul sedile del camper, quello che dà sulla dinette di legno dove appena dietro si trova la cucinetta. Davanti a me il computer è aperto e la tastiera mi invita a scrivere. Voglio provarci, perché questo blocco dello scrittore è durato fin troppo a lungo. 
Mi sono resa conto di non avere mai parlato di ciò che è successo da Settembre a Marzo quest’anno. O quello scorso, a seconda di come si voglia considerare. In realtà, ancora non so come parlarne. 
Sono in viaggio ora, in un viaggio del quale forse non avevo troppo bisogno ma che, dopo un’altra brutta avventura sentimentale, forse era quello che mi serviva per non chiudermi di nuovo nella frenetica routine del lavoro. E’ facile, se vuoi, chiudere i battenti col cervello occupandolo delle più assurde piccolezze. Finché non ti trovi mano a mano con te stessa, a guardare fuori da un finestrino e da sola con la tua testa.
Chiuso a tempo indefinito. Mi sono sentita così per lungo tempo da settembre a marzo, più che altro non perché non ci fosse nulla di eclatante in ballo - anche se in realtà così era - ma perché non ero più in grado di fare nulla. Non so bene come sia cominciato, ad un certo punto tutto ha iniziato a scendere in una spirale che non si fermava più. 
Per farla breve ad Agosto avevo conosciuto una persona - che avevo poi aspettato fino a Dicembre inutilmente. La mia autostima non riusciva a stabilizzarsi e andava peggiorando - per tutta una serie di ragioni che mi rendevano più insicura, e insicura, e insicura fino a che non ci fu più niente su cui basarsi. 
Non sono il tipo di persona che piagnucola sui suoi problemi o semplicemente si siede e si lamenta. Generalmente mi faccio un culo quadrato per combattere le situazioni avverse o comunque cercare una qualche soluzione. La mia grande frustrazione derivava infatti dai miei tentativi continui, facendo sempre più fatica, per forzarmi di provare e riprovare prendendomi tante di quelle sprangate sui denti che a volte veramente non sapevo che cosa fare.
Ma detta così sembra quasi che fosse solo una questione sentimentale. 
Non era così. Non voglio entrare troppo nel personale nel merito di alcuna di queste situazioni, ma per farla breve c’erano anche delle questioni economiche in ballo. Lavoro che mancava, paragoni continui con alcuni dei miei compagni e colleghi, tentativi su tentativi di guadagnare in qualsiasi modo il mio lavoro freelance permettesse, finché ad un certo punto mi ritrovai in una spirale di clienti senza soldi che cancellavano letteralmente la notte prima o il giorno stesso lasciandomi nella più completa disperazione. 
Mi identifico molto nel mio lavoro, quindi quel fallimento per me si ripercuoteva nella mia autostima già gravemente danneggiata. Oltretutto, la mancanza di fondi si riportava in un incubo ancora più incombente per me: la minaccia di dover tornare a casa e buttare via tutti quegli anni di fatica e di impegno che mi avevano portato in quel paese dove oramai c’era tutta la mia vita e tutto quello che mi ero costruita. 
Ricordo tutte le notti in cui mi ripetevo - mentre cercavo di respirare lentamente e anche solo di dormire perché l’ansia era come una prigione - il mio mantra che ‘domani è un altro giorno’, mentre la mattina trovavo un messaggio o una email nel cellulare cancellando il lavoro della giornata o dandomi una cattiva notizia. Avevo letteralmente paura di svegliarmi. Penso senza esagerare di aver perso il conto delle mattine in cui mi mordevo forte le guance per non piangere e forzarmi fuori dal letto a fare qualcosa. Qualsiasi cosa. Dal nulla non viene nulla, e lo so bene, per questo cercavo di continuare a fare. Nel mentre perdevo tutti gli amici per via del lavoro, del mio umore, e uscivo con troppe persone per poter davvero coltivare delle amicizie sincere bensì solamente delle conoscenze prive di valore. Al punto che quando avevo davvero bisogno di qualcuno non sapevo proprio da chi sarei potuta andare. Ed in Italia mi si poteva stare vicino solo fino ad un certo punto. 
Una serie di altri fallimenti sentimentali, lavorativi, personali, confusione, rabbia, frustrazione dopo mi resi conto che non c’era più niente rimasto. Realizzai che avevo smesso completamente di sentire qualsiasi cosa. Non provavo più nulla, la disperazione - perdonatemi la figura così drammatica ma sto cercando di essere sincera - era diventata così profonda da essersi trasformata in un buco nero che assorbiva tutto ciò che lo circondava. Sogni, speranze, emozioni, ricordi, amicizie incluse. Mi accorsi di stare fingendo tutto. Quando avrei dovuto essere entusiasta, o i miei amici lo erano, mi adeguavo nel tentativo di convincere me stessa di quell’emozione senza provarla davvero. Sorridevo e mi rendevo conto di non stare sorridendo sul serio. O ridevo e non trovavo nulla divertente. Parlavo e fingevo interesse per qualsiasi cosa capitasse a tiro. Fingevo interesse per cose delle quali una volta mi importava incredibilmente. 
Ma non era rimasto niente. 
E mentre realizzavo quell’orribile realtà - perché fidatevi, non c’è nulla di più terrificante del nulla assoluto - intravedevo l’altra faccia della medaglia: dal nulla passavo a picchi di tutto. Duravano all’incirca una ventina di minuti in cui tutte le emozioni che non avevo provato per qualche giorno mi cadevano addosso come un pianoforte dal centesimo piano. Tutte assieme. Una volta mi successe mentre il mio migliore amico era in stanza con me. Ricordo perfettamente che mi resi conto che stava per succedere e mi ammutolii, perché non sapevo che cosa fare. Mi appallottolai sul letto, non avevo idea di come gestire quell’ondata di tutto che mi era arrivata addosso come una valanga. Il mio amico mi chiese che stesse succedendo e che cosa potesse fare, ed io non fui nemmeno in grado di rispondere. 
Tutto ciò andò avanti fino a inizio Febbraio, dopo un Natale passato a Londra da sola per via della mancanza di fondi per poter tornare a casa, e un tentativo disperato di attendere che l’industria cinematografica si riprendesse dopo il solito morto inverno. Ma la mia salute psichica, che sembrava comunque essere migliorata nel periodo Natale/Gennaio grazie ad alcune persone, precipitò di nuovo dopo un mese. 
Youtube, nel frattempo, mi rendeva insicura. Mi sentivo di non andare da nessuna parte e di non stare intrattenendo ed aiutando tutte quelle persone che mi avevano seguito per tutti questi anni. Di non crescere, di non valere. Di fare tanta fatica e risparmiare tempo per mantenere quel lavoro che avevo fatto per così tanto tempo senza davvero andare da nessuna parte. 
Ricordo che chiamai mia mamma - la mia roccia in tutti questi momenti di crisi - perché avevo davvero raggiunto il fondo. Non sapevo più che cosa fare, ero disperata. Lei mi calmò, e quel giorno presi un volo dell’ultimo minuto per tornare a casa il mattino dopo. Una cosa che non avevo mai fatto prima nella mia vita, ma che sapevo avrei dovuto fare. 
Il tempo a casa mi portò via dal lavoro continuo al quale mi ero sottoposta per la paura di ritrovarmi nella situazione precedente, spaventata e senza speranze. Parlai con i miei familiari, le mie migliori amiche, e piansi quando dovetti ritornare a Londra, perché avevo paura. Ma tornavo con la consapevolezza di dovercela fare. E che potevo farlo solo io. 
Nulla era cambiato, ma sapevo di non avere scelta. E così tornai e, come al solito, ripresi a farmi il culo. Perché alla fine col cazzo che mi arrendo. Anche nel mezzo di quella situazione, con l’aiuto delle persone che per fortuna avevo ancora attorno, non era la fine. Era la fine solo quando era la fine. E non era allora. 
Frase da scatoletta dei cereali o fondo della zuppa o cioccolatini o come preferite chiamarla, ma era vero. 
Feci delle scelte drastiche, rivalutai certe cose nella mia vita e - con fatica e lentamente - ripresi il ritmo della ruota della mia esistenza. Caddi tante di quelle volte che mi sorprendo di non essermi rotta qualcosa nel frattempo - guarda come vado di paragoni figurati - ma ero ancora là. E ve lo dirò, all’inizio ero abbastanza sola. O meglio credevo di esserlo perché avevo - nel frattempo - allontanato tutti quanti chiudendomi nella mia solitudine. Ma chiesi scusa, e tornai. E molti - le persone che avevo scelto o che comunque avevano scelto me - tornarono. E non se ne erano davvero andati. Stavano aspettando. Ma il fatto che mi scusai fu molto importante. Il mio malessere non era una giustificazione, era solo una motivazione. 
Il lavoro, un po’ per fortuna purtroppo come sempre è in questi casi e un po’ per via del fatto che mi ero data da fare come non mai, cominciò a tornare da me, offrendomi delle occasioni incredibili come il progetto assieme a Enrico Franceschini per La Repubblica, dei servizi fotografici davvero interessanti ma soprattutto l’opportunità di tornare stabilmente a lavorare nel set ora che l’industria era partita. Ricominciai. E ricominciai davvero.
Fu come tornare a respirare di nuovo, almeno un po’, dopo essere stata mesi in apnea. 
Adesso non romanticizziamo, però. Ancora adesso ho dei momenti molto bui, in cui non penso nemmeno si possa definire con la parola esistere perché siamo a dei livelli inferiori a quello, però si alternano a un resto migliore, con delle persone accanto a me, dei progetti e una speranza che nonostante venga spesso e volentieri maltrattata e calpestata coltivo con impegno e cerco di mantenere viva. Non so cosa farò tra una settimana, tra un mese, se i miei progetti vedranno mai un fine, se tutte le orride cose successe quest’anno passato ricapiteranno di nuovo e dovrò averci a che fare una volta ancora. Non lo so. Non so cosa succederà. Non va tutto bene, e sono molto brava a trovare motivazioni per le quali le cose non dovrebbero andare bene o nuove ragioni per cui preoccuparmi. Il mio cervello mi conosce bene. 
Ma tutto questo papiro era per dire che ho toccato il fondo un’altra volta - ma fondo fondo, fondo che non si vede un cavolo che guardi su. Ho toccato con mano una depressione con la quale non avevo mai davvero avuto a che fare prima. Sono tornata in terapia, ho ripreso ad usare dei farmaci che punto ad abbandonare relativamente presto appena sarò in grado di farcela per bene da sola. 
Ma sono qui e se le cose vanno male non significa per sempre, e non significa che resterò da sola o che non valgo niente o che è la fine del mondo. 
E’ la fine del mondo quando lo deicidi io. Ed abbiamo un infinito potere decisionale, su come ci sentiamo.
Libri come “The Subtile Art of Not Giving a Fuck” e la meditazione guidata di app come “Calm” e “Headspace” o anche solo quelle che si trovano su Youtube mi aiutano tutt’ora a non cadere nella spirale dei miei pensieri ma a lasciarli andare, quando ci provo. 
Insomma, ero chiusa a tempo indeterminato ma credo di aver riaperto i battenti da Aprile a questa parte. La vita è stata generosa a sufficienza con me da- no, che sto dicendo, io sono stata brava. Io ho incontrato le persone che ho incontrato grazie a me stessa, io ho raggiunto i miei traguardi grazie a me stessa anche se non da sola. Sono ancora molto convinta che con i giusti alleati tutto sia superabile nella vita (Harry Potter insegna). 
Ho qui la mia famiglia, i miei amici stretti - nuovi o di sempre - e le nuove persone che ho trovato e hanno trovato me. Ho girato un nuovo corto - prova di concetto per una serie - lavorato su set incredibili, sto per partecipare di nuovo alla Summer in the City, ho lavoro su una serie tv per bambini della NBC Universal fino a Marzo e un nuovo film in progetto per la laurea dell’anno prossimo. Cuore aperto di nuovo da qualche settimana, e chissà. 
Chiuso a tempo indeterminato, il cartello ce l’ho ancora in caso mi dovesse servire, ma per ora ho pulito il locale e girato la chiave nella serratura per ricominciare l’attività. O meglio, lo ho già fatto. E tutto questo comprende anche Youtube. 

Appendo timidamente il nuovo cartello: Aperta nuova attività.

venerdì 27 marzo 2015

My Methods to Fight Anxiety

L'ansia è una bestia dura da addomesticare, ci vuole tempo, a volte sta sempre lì ed è sempre frustrante da vedere. La vera domanda è: perché non riesco a controllare la mia mente? 
Bè, le ragioni sono le più svariate. 

Image A
Una delle tante è quest'immagine (image A). Per chiunque fosse scettico o non capisse il funzionamento fisiologico dell'ansia ecco la risposta. Noi siamo sì creature fatte di pensieri, anima e spirito, ma siamo principalmente un composto chimico di sostanze che funzionano assieme nel tentativo di farci vivere correttamente. L'ansia è uno squilibrio di tale chimica, come si può ben notare. C'è poco da domandarsi perché non riusciamo a controllare la nostra stessa mente, quest'immagine parla da sé per capire come siamo in balia di un vero e proprio uragano nel cervello. Di conseguenza, i livelli chimici vanno riportati alla normalità. 

La legge è sempre quella, ogni cosa psicologica è anche fisica. 

Una persona non si inventa l'ansia, una persona ne è vittima allo stesso modo in cui una persona ha l'influenza, il cancro, o qualsiasi malattia. 

Personalmente ho convissuto - e convivo tuttora - con l'ansia per più di quanto mi piaccia ricordare. Da quando avevo 12 anni. 

Per esperienza personale ho provato moltissimi metodi per stare meglio, cercare di conviverci senza che fosse una battaglia persa tutti i giorni, e questi sono quelli che posso consigliare.

a) Andare da uno psicoterapeuta

Badate bene, terapeuta, non psichiatra o psicologo. Questo perché i terapeuti si occupano di un percorso di miglioramento, una terapia che non coinvolge farmaci ma permette di lavorare su sé stessi, cercando di ribilanciare il proprio essere. So benissimo che può risultare spaventoso o a volte addirittura ce ne si vergogna perché ci è stato inculcato in testa che se si va da un terapeuta significa che siamo pazzi e ci hanno mandato da uno strizzacervelli. Certo, perché se uno ha il cancro e va dal medico come è giusto che sia la gente lo giudicherà male per la sua scelta di cercare di stare meglio e curarsi, vero? Ovviamente è molto importante trovare la persona giusta, e può volerci un po', ma una volta che la connessione è stabilita il percorso e la terapia sono un grande sollievo. Al momento la persona dalla quale vado io è meravigliosa ed ogni volta che esco da una seduta mi sento meglio e sento anche che nonostante il costo valga tutti i soldi che spendo.

b) Stretching & Yoga.

Questo è un metodo che ho avuto modo di sperimentare in questi ultimi 6-7 mesi. Quando mi sento particolarmente vulnerabile, agitata, nervosa, sul punto di avere un break-down mi siedo per terra nella mia stanza e faccio stretching. Respiro a fondo e cerco di trovare i miei punti di forza ed equilibrio e tirarmi sempre un po' di più, focalizzandomi sul potere della mente e sulle sensazioni fisiche di forza, controllo, elasticità e stabilità. Ho trovato conforto nel lavorare sul mio fisico come se lavorassi allo stesso tempo anche sulla mia mente, ed è vero. Nell'elasticizzare i miei muscoli alleno anche il mio cervello alla flessibilità, all'equilibrio, alla forza. Inoltre, porta il mio corpo a respirare e comportarsi in maniera diversa, agendo anche sulla chimicità della mente, riuscendo per qualche strana ragione a calmarmi e unfocus from anxiety. (Scusate, non ce la faccio proprio a non mischiare l'inglese.) Quello che faccio io di solito è specialmente fare stretching sulle gambe, tirandomi oppure cercando l'equilibrio sulla parte alta della schiena, stabilizzando addominali, braccia o gambe. Spesso, magari, con dei suoni rilassanti in sottofondo.

c) Mind-Fullness Apps.

Ho notato che, allo stesso modo, riesco ad allenare il mio cervello anche con questo genere di applicazioni. Avendo già fatto un anno di TABO (Training al Benessere Olistico) cerco sempre di trovare i metodi migliori per meditare. Sembra stupido, lo so, soprattutto a noi occidentali. "Meditare, che cosa cinese e stupida, è solo un modo per stare seduti e fare 'ohhhhmmmm' tutto il tempo."
Ahah, scettico uomo medio, pensala come vuoi non è un problema mio. Io, personalmente, al momento sto usando 'headspace', e trovo che riesca a ricavarmi i miei dieci minuti di pace giornalieri fin troppo bene. 
Ma perché questo genere di cose funziona? Ebbene, non so se siete a conoscenza del fatto che il nostro cervello, in tutta la sua funzionalità, lavora per impulsi. Questi impulsi mandati dai vari neuroni corrispondono a dei segnali che vengono inviati al corpo per muoversi, produrre un certo tipo di sostanza che può portare a sentirsi in un certo modo ecc ecc. Questi impulsi creano dei neuropaths (o "sentieri neurologici") che, come quando camminiamo in montagna e facciamo sempre la stessa strada praticamente soffocando l'erba, rendono il passaggio per quello stesso sentiero molto più semplice e veloce che andare in mezzo al fango o in sentieri al quale non siamo abituati. Per noi che soffriamo di ansia ci sono dei pensieri trigger che scatenano una reazione che porta il cervello - da noi abituato a un certo tipo di reazione praticata e ripraticata durante gli anni a causa dell'ansia - a creare un sentiero diretto tra quel pensiero e l'ansia stessa. 
Quando cerchiamo di cambiare, però, quando lavoriamo su noi stessi, costruiamo faticosamente e piano piano un sentiero alternativo. Cercherò di spiegarmi meglio con questo schemino.


Okay, lo so che fa schifo, ma cercherò di essere più chiara: come vedete il neuropaths che collega il pensiero scatenante (o trigger) all'automatismo del meccanismo innescante dell'ansia è bello spesso, super allenato e ormai velocissimo. Il secondo invece, quello che porta a una reazione diversa, che non ci viene in automatico e che va allenata lentamente come, per l'appunto, il corpo in generale, è invece molto più lieve e leggera. La mente, infatti, sicuramente per automatismo sceglierà il sentiero più facile e ben battuto, quello abitudinario perché insomma siamo tutti pigri, no? Se vogliamo allenare la mente a creare un sentiero diverso da percorrere questo presuppone un certo sforzo, allenamento e forza di volontà. Fortunatamente, per costruire un nuovo neuropath e rinforzarlo non ci vogliono tutti gli anni nel quali abbiamo allenato l'altro che porta all'ansia. 
Combattere questo non è decisamente una cosa da poco.
Tutto questo non me lo sto inventando, sono tutte cose che ho imparato in anni e anni di terapia, sono parole di esperti, laureati, praticanti con i quali sono stata in cura durante gli anni. 

Per questo, quando usiamo una di quelle applicazioni, o meditiamo, o semplicemente ci creiamo dello spazio per noi stessi in quei dieci minuti alleniamo il cervello alla calma, alla razionalità, a non correre al riparo nella futilità dell'esagerazione dell'ansia. Non è ovviamente immediato, ma decisamente aiuta. 

d) Diavoletto sulla spalla.

Sono perfettamente consapevole del fatto che suoni incredibilmente stupido. Però a me, ultimamente almeno, sta aiutando moltissimo. Proverò a spiegarlo nel modo più chiaro e semplice possibile. 
True story
Esempio: sapete tutti che soffro in maniera piuttosto pesante di ipocondria. Ebbene, è giorni che mi sveglio con un mal di testa sordo e non capisco perché. Sarò sincera, i miei pensieri generali sono:
- Ho l'influenza.
- Non ho abbastanza nutrienti in corpo.
- Ho il raffreddore.
- Ancora?
- Come faccio a farmelo passare?
- Forse ho delle carenze minerarie.
- E' l'ansia che mi fa venire mal di testa.
- Forse non ho dormito abbastanza.
- Come faccio a lavorare?
- Perché sono sempre stanca?
- Perché non sto mai bene?
- Magari mi sono rovinata il corpo a furia di mangiare male.
- Non voglio prendere nessuna medicina.
- Perché non posso stare bene come tutti gli altri?
E la cosa va continuando. E' sempre così. 

MA.

Se considero che:
a) Sì, soffro di ansia quindi è possibile che essa mi dia il mal di testa, non devo prestarci troppa attenzione.
b) 3/4 di popolazione - mia sorella compresa - soffrono di mal di testa cronico e non se ne lamentano tutto il tempo e non si preoccupano in questo modo.
c) Il mal di testa è uno dei fastidi più comuni in assoluto al mondo! Ha senso che mi faccia tutte queste pare?

Questo genere di pensieri non calma del tutto l'ansia, ma mi permette di ridimensionarla un pochino e provare a respirare a fondo. Inoltre immagino l'ansia come una creaturina sulla mia spalla e il pensiero è:
"Ho mal di testa, so benissimo chi si sveglierà adesso a ricordarmelo. Shhh, lo so. E' solo un mal di testa, non ti preoccupare, shh."
E un pochino l'ansia se ne va via. 


e) Bere acqua.

Il trucco più vecchio del mondo, ma mi calma. 

f) Non lasciare che delle situazioni temporanee condizionino il tuo essere a pensare che sia per sempre.

Okay, può essere che la scuola faccia schifo. Che i tuoi amici non ti capiscano. Che ti senta pazza. Che tu non stia bene. Che tu sia infelice. Che sia preoccupata per i soldi. Che non sappia cosa fare del tuo futuro. Che i tuoi genitori non ti sostengano e non ti capiscano. Che tu non sia soddisfatta di te.

Non noti niente? Sono tutti temporary statements. Questo significa che il problema, per quanto terrificante ed odioso, sarà temporaneo e si risolverà nella maggior parte dei casi. Voglio dire, quanta gente statisticamente deve avere a che fare con questo genere di problemi tutta la sacrosanta vita, in proporzione? Non sono un genio della matematica, ma penso non sia decisamente molta. Forse 1 persona su quante? 1,000? Non lo so, ma sicuramente è molto più probabile che un giorno andrà meglio piuttosto che tu rimanga bloccato in quella situazione per sempre. Ma come si esce? Sicuramente non stando seduti sulle proprie chiappe a farsi prendere a pesci in faccia dalla situazione stessa. 

Esempi:

La scuola fa schifo? Che ti ci vogliano 2, 3, 4 o 5 anni per finirla prima o poi finirà E' un tormento, ci sono passata, ma quando poi se ne si esce... non ci si torna più. E intanto si diventa più forti, si cresce e si impara.

I tuoi amici non ti capiscono? Lavoraci, lentamente prova a farli capire senza disperarti o arrabbiarti o altro. E se davvero non ti capiscono la verità è che l'unica persona che ti deve capire sei tu stesso.

Ti senti pazza/o? Se vuoi sentirti tale, sentiti. L'ansia non ti rende pazza. Non è una psicosi. Sei semplicemente una persona che soffre di ansia, tale e quale a una persona col diabete. Non sei un abominio, a meno che tu non voglia considerare persone come Jeremy Irvine o Nick Jonas (i primi due diabetici che mi sono venuti in mente) degli abomini della natura perché OMG si iniettano l'insulina. 

Non stai bene? Manco io. Lotta per stare meglio. Non dargliela mai vinta e non ti arrendere. Sei tu il leader, prendi il timone e vai. Un giorno starai meglio e non te ne accorgerai neanche, ne sono la prova vivente.

Questa sei tu che ti rovini le cose
belle che ti succedono. Lo ho
fatto anche io per lungo tempo, ma
sul serio non lasciare che succeda.
You are the leader of your own mind,
remember that.
Sei infelice? L'infelicità non è un sentimento completamente negativo, io ad esempio nella mia infelicità trovo l'arte, cosa che non riesco a fare con la felicità. Hai mai notato come la felicità sei lo scoppio di un momento? Una sensazione temporanea? Un esplosione di qualcosa? (Se vuoi depoeticizzarla diciamo serotonina?) Lo stesso vale per l'infelicità. E' una sensazione temporanea che può essere consumata, cambiata, evolvere, cancellarsi, migliorare, e via dicendo come tutti gli stati d'animo. E poi, oltretutto, vedila in modo positivo: almeno senti qualcosa e questo qualcosa può spronarti a cercare di stare meglio. Se non senti proprio niente è ancora più difficile. Oh, e quella si chiama depressione che non è un qualcosa da prendere alla leggera ma, allo stesso modo dell'ansia, una condizione medica. 

Non sei soddisfatta di te? Renditi soddisfatta. Fai qualcosa per esserlo, non piangerti addosso. Con l'azione viene il cambiamento e con il cambiamento e l'azione stessa anche la soddisfazione per stare facendo qualcosa.

I tuoi genitori non ti sostengono? Non sarai dipendente dai tuoi genitori per sempre.

Occavolo, mi sento la posta di Max per Cioè, ma spero capiate cosa intendo.




g) Mangia correttamente.

Non posso smettere di ripetere quanto noi per l'appunto siamo un complesso chimico di sostanze quindi quanto cavolo non può essere vero che siamo quello che mangiamo? Penso di aver parlato di diete sane fino allo sfinimento in questo blog. Se volete ulteriori approfondimenti basta chiedere. Dico solo che il cibo spazzatura, zuccheri raffinati e via dicendo peggiorano l'ansia e affaticano il corpo durante la digestione. Allo stesso modo se ti privi del cibo il cervello verrà denutrito e si logorerà molto più facilmente peggiorando la situazione dell'ansia stessa. 

h) Olio essenziale alla lavanda e aromaterapia.

I profumi fanno la differenza! Quando sono particolarmente in ansia o non riesco a dormire o sono nervosa lascio cadere qualche goccia di olio essenziale alla lavanda o all'arancia o alla menta sul cuscino, mi distendo, chiudo gli occhi e respiro a fondo. Non posso smettere di ripetere quanto questo funzioni meravigliosamente, almeno per me. Allo stesso modo, se non ho tempo di distendermi, mi metto un paio di gocce sui polsi e sulla fronte, se devo uscire.


***


E penso che questo sia tutto per oggi. Spero tanto di avervi aiutato almeno un po', ho speso ore su questo post. Fatemi sapere i vostri metodi, adoro leggere i vostri commenti, sul serio, mi fanno sentire un senso di Community. :3
You are the leader of your own mind, remember that.







lunedì 23 febbraio 2015

February Favourite Healthy Products




Well, it's time for me to say it. I am trying to go vegan. Now everyone will be freaking out because ohhhhmyggoood she's going to turn everyone into a grass-eater and hate everyone who eats meat or fish or eggs or milk blah blah blah.

PLEASE. Who the hell do you think I am?

FIRST, almost the entire world knows I am lactose intolerant and allergic to eggs, so yeah, I can either be omnivore or basically directly vegan, I can't be vegetarian since I cannot eat those two elements anyway.

SECOND, I am doing it to try and see if it has any good effect on my health and body and for environmental reasons. I read online different things, good and bad as it's a controversial topic on which there is also a lot of ignorance and prejudice which keeps information to directly get to you. Also, a lot of research is still been done about it so new stuff keeps coming out. Still, I have never been a fan of the idea of eating animals, it's just empathy, maybe, I don't know. I simply found it not too different to eat one another, I mean if we didn't have animals we probably would.

BUT I don't give an utter shit if you DO eat meat or eggs or milk or fish or whatever the hell you like because this is just MY choice at the moment to see if I can get any benefit from this lifestyle but I am not going to be one of those people who rant about having to go vegan, hate on people who aren't, judge, and I am certainly not going to turn down meat or fish once in a while if I happen to be offered some or just feel like eating it.

I just want to see on myself if I can get any of the results I read online and if I actually can feel better. If not then, oh well I tried.

SO, that said, here there are my favourite products of February, talking about food and health!



1) Rude Health Muesli Super Fruity


This is definitely one of my favourite muesli of all time. My breakfast, as many of you already know, is one of my favourite meal of the day. Screw that, it's my ABSOLUTE favourite meal of the day. I always have muesli but I try not to go for the refined sugar packed one with loads of artificial shit in it that tastes like sugary stuff and not like oats and raisins and fruits and seeds. I like crunchy muesli, but I don't go for seed-y ones as I freaking love raisins and dried fruits and I appreciate it not being too crunchy and hard. So this one, with absolutely not added refined sugars, no wheat and no nuts is a freaking amazing recipe. They just taste... awesome! If I could I would go through the whole package in a couple of days! So yeah, they are definitely my favourite, at the moment, adding some special feeling to my lovely morning soya yogurt and berries.



2) Virginia Harvest Cold-Milled Flaxseed

I don't know if any of you is familiar with flaxseeds but... they are just THE thing. I usually put either them or Chia Seeds in my morning breakfast as they are full of Omega 3, Proteins (that I definitely want to get as much as I can since I don't get them from meat or fish or eggs or dairy), Iron, Magnesium, Potassium and Manganese other than being a huge source of dietary fibre. So yeah, they taste nice and are slightly.... munchy-crunchy that makes them lovely to have in the morning and help me kickstart my day. Moreover, they are gluten-free, not genetically modified, cholesterol free and nut free (in case you have any allergy!)


3) Meridian Smooth Almond Butter

I seriously don't know where this had been all my life. It tastes like pure heaven. Like, it's smooth, soft, slightly salted, almond-y... it is seriously as if I took almonds and made them jelly-ish. I swear! It tastes gorgeously with any type of bread and it's a fabulous snack! Obviously we don't have to exaggerate with it if we care about our silouette since well yes it is always butter-ish and it contains fats. It's completely diary-free and most fats are Omega 3 healthy fats so that makes us feel a bit less guilty, doesn't it? Oh, well, I don't feel any guilt...


4) Biona Organic Coconut Oil

I think I will never stop saying how nice this tastes. I have been using it to make my new love, my Banana Bread, and it just tastes lovely. It's useful for weight loss, it's packed with loads of healthy nutrients and it's just so sweet and exotic that it adds an amazing flavours to every dish. I use it in my salads, good alternative to olive oil, or I also use it in my spelt dishes for dinner. It's lovely to stir all of my vegetables in a pan with just a teaspoon of that, it adds so much flavour and exoticness to a dish that could result as boring! Like, you have no idea how much I am loving my dinners lately. Also, they are packed with energy and, since I suffer from fatigue, that helps a lot.


5) Mori-Nu Silken Firm Tofu

How could magic tofu not been included on my healthy-shit-ranting? Of course here it is! I had never tasted tofu before, I admit, I was scared it tasted awful. But guess what? It doesn't. It's actually lovely, it doesn't have a strong flavour and it's perfect with anything. I put it into salads, grill it, cook it... what you can do with it is neverending. Soy has so so so many proteins (soybeans, edamame, soy milk, soy yogurt....) and it's absolutely fundamental to who doesn't get proteins from animals and animal products. Of course I don't want to have any nutrient deficiency and I surely want to use artificial integrators as less as I can. So yeah, tofu is a great choice and I am very much liking it. Also, it costs SO much less than any steak or fish fillet.


6) Waitrose Pearled Spelt

Okay, yes, I discovered Waitrose and lately my dinners have mostly been composed of grains, proteins and vegetables of any sort. Spelt is definitely one of my favourite in terms of taste (oh my good it's sooooo nice) and nutrients. It contains few fats and lots of proteins even being a grain! It gives you a lot of energy and minerals. It's not gluten-free, though. Aaaaand it takes 20 minutes to cook which, since I hate waiting, makes me look like that person who keeps looking at the water hoping for it to boil faster. But oh well, what can you do.


7) Chia Seeds Cibocrudo

I was skeptical about Chia Seeds as I thought they were just very fat and caloric and didn't give many benefits. I was wrong. First, they are full of healthy fats, which is very different. Fat is not all bad, some of it is absolutely fundamental to our nutrition. Second, it is so crunchy and nice I love to munch it under my teeth and hear it 'pop'. Some people put it in water to get it jelly, I love it natural. I alternate them with flaxseed, as you read before, for my breakfast and I never regretted it since.


8) Clipper Organic Orange and Coconut Infusion

Okay, okay, I know you expected this since I have been talking and loving this for ages on any social network. This is the best infusion I have ever tasted. Like, it's like drinking a cake. Seriously, it doesn't even need any sweetener to be absolutely delicious. I have it before going to bed and it feels like I am drinking pure awesomeness. I would inject it in my veins if I could. Also, it's organic, so whoop whoop!


9) Organic Spirulina Powder

This is probably one of my favourite products of all time. I seriously have been having this every morning for like 4 months and I have never felt better. So many proteins, amazing source of CALCIUM which I lack from my lactose intolerance, so much IRON. It tastes disgusting but I always have a tablespoon together with juice and I swear to God you can barely notice it's there. I got used to the taste as well. It's seriously one of the best thing I have during the day. It helps my concentration and energy on such an amazing level. Take my word on this, it's awesome.


10) Slim Lotus Tea

Okay, I have to admit this is a new entry in my life. It definitely is. I bought it as a random buy and read what it actually was online after having it. It's a super green tea, basically. I have been using it for a week but... like it tastes so so so so much better than any other green tea I have ever had (and you all know how much I love green tea) as it's pure leaves you soak in hot water (85°C) and then drink. I know it doesn't sound too nice to say, but seriously my intestine has been working so much better thanks to it! I feel less as a balloon and everything works better on that side. It's amazing! It doesn't have any caffeine so it doesn't interfere with natural energy but it gives you a boost anyway. It's genuinely amazing, even just for the taste. Best random buy ever.


11) Quinoa

Quinoa is another one of my weaknesses. It's a seed but it feels like it's a wholegrain. It tastes gorgeous with seriousl anything and it is packed with proteins! It's also very nice to cook and it's still low in fat, in salt and in sugar. There is not much to say, just try it, it's genuinely awesome.


12) Superfood Raw Peruvian Maca Powder

This is another one of my favourite. And it tastes lovely! Like... malt. You can use it into any non-dairy milk, yogurt, smoothie... anything. It is a huge source of minerals and energy. It boosts metabolism, everyday energy and also helps balancing the hormones. It's so nice I've been using it in my Banana Bread, lately, and it seriously does its job. Definitely gonna be on my shelf for a while.



Aaaaand I guess that was it for today! I hope you liked it, I also want to know what you think of any of this products and which one is your favourite. Let me know in the comments below! I'll let you know how my vegan tryout is going.

Ellie x

PS: Best places where to buy this stuff in Italy is either your healthy food supermarket, Cibocrudo or Amazon :)

giovedì 19 febbraio 2015

The perks of waiting




I thought a lot about time, lately. Yeah, there is no much point in doing it, I know, but I remember how - when I was younger - I used to dream about becoming something and thinking about studying to reach that dream and... I somehow expected it to happen just right after high school, as if that was a preparation to get me directly into the working world and just BOM, I would start doing exactly what I wanted to do because that was what it was expected of me. Does it make any sense?

Anyway it's definitely not gonna happen. Or in most cases. 

A concept that was extremely detached from my mind was the fact that, after high school, I would have to do years and years of other stuff before I could even just think about reaching a result that was close enough to what I wanted to do. 

Practical example: you want to be a chef, so you study at a cooking high school and expect to be put into a kitchen to prepare amazing dishes soon after you've hardly make it out of the school. Well, not really. Maybe you'll have to start as a waiter for years. Or a kitchen porter. And then, slowly, you'll learn the job on the field and will gradually level up and reach an always closer result to the one you hope to achieve. It's going to be.... well pretty hard that you will become Gordon Ramsay just after high school, don't you think?

Well, I can now think in these terms because I kind of lived it on my skin. I got out of high school with this thing about being an actress and now I don't even want that anymore. I had to realise I needed the money, and the experience, and the... life to do whatever I want to do. Like now, I aim on becoming a decent filmmaker who can pay the bills thanks to my films. 

Obviously it's not gonna happen now. It's not gonna happen, probably, in a few years. But it will, if I work hard and keep doing jobs that I don't extremely like but that are a good compromise to keep reaching for my dreams. I mean, I need to eat, I want to travel, I want to buy stuff and equipment and... yeah, I want to be independent so I need a job. Waitressing is not too bad to me, I like serving food to people as I am very passionate about it. I like their face when they see the food and I am lucky enough to be now working in a very renowned and healthy restaurant in a very nice borough in London so I am even proud of what I am serving. I am lucky enough that my colleagues are nice and my boss is nice. 

I have been working as a waitress since I was 16, I used to work during summers while my friends went to the beach or just relaxed. I used to try and make as much money as possible but... now that I think about it I've been courageous to do such think. It's easy to be lazy. It's even easier not to find a job, at the moment, due to this bloody crisis. So I think that the series of unfortunate events that led me here was... eventually quite fortunate. 

Thing is we are bombarded everyday with people who made it. They are like 15 and they did everything we could ever dream to achieve in life whatsoever. So... why can't we? We just get used to this way of life. The film one. The book one. The one that doesn't resemble 99% of the entire populations. And this gets us depressed but the thing is... It does NOT mean we will NEVER get to that point, it just means it might take more time and a bloody hard work. But it doesn't prevent us from making it. We just have to come to term with the fact that from one point to the other of our life-line, there might be a bit of a troubled ground and take a few more years. But what matters is that we get there, at the end. And nothing says for certain that we can't. Future is a bitch because it's so uncertain, but that's also what makes it changeable/variable/shifting. 

So yeah, that's what I thought about. What are your thoughts about this? I'd like to hear them.

Waiting for your comments!

Ellie x

domenica 15 febbraio 2015

How to live at best (with anxiety but also not)




I benefici del prendersi cura di sé stessi possono sembrare incredibilmente inutili, oppure a volte non ci facciamo neanche caso, a volte per pigrizia. Eppure ho dovuto andare a vivere da sola e sperimentare su di me le peggiori abitudini del mondo e shiftare ad alcune completamente diverse per darci veramente importanza e rendermi conto di quanto potessi stare meglio solo con dei piccoli accorgimenti. Tutto questo si è sempre riflettuto anche molto sul mio modo di gestire e percepire l'ansia. Di seguito alcuni consigli spassionati in ordine molto random per tutti coloro che non hanno fatto altro che chiedermeli per i mesi scorsi ma io, da brava testa di pigna quale sono, non sono riuscita a trovare il tempo di rispondere singolarmente ad ognuno di voi.

a) RIPOSO & ALIMENTAZIONE

Sono una persona iperattiva e alla quale piace l'idea di stare sempre facendo qualcosa, che odia stare seduta e semplicemente... perdere tempo. Ho sempre l'impressione di stare buttando via del tempo che potrei usare per fare qualcos'altro di incredibilmente utile e via dicendo. Per quanto riguarda l'alimentazione ho fatto degli alti e bassi da paura, con abitudini alimentari orrende e sbagliate, fino a che non sono approdata in una dieta che, ho scoperto, fa decisamente molto di più per me. 

Le Mental Illnesses si nutrono, oltre che della mente, anche del corpo delle persone. Per questo quando una persona è stanca o mal nutrita o erroneamente nutrita i collegamenti chimici che vengono fatti da neurone a neurone e cellula a cellula nel cervello (perché non dimentichiamoci che tutto ciò che è psicologico è anche fisico) diventano più facili nei sentieri già percorsi più volte in precedenza per forza di abitudine. Oltretutto, se ci si nutre male il corpo acquisisce nutrimento da quello che servirebbe al cervello per funzionare correttamente, di conseguenza il logorare questo prezioso organo porta a percepire ansia, depressione, stress e quant'altro in maniera incredibilmente più forte, con meno forza di reagire e più spesso. 

Il nostro corpo cerca energia, ed energia non si traduce con calorie o grasso. Questo va ben specificato. Ma DECISAMENTE ha bisogno di carburante per tirare avanti tutta la giornata. Carburante buono, possibilmente, non schifezze tossiche che ti fanno fare ciao ciao alla macchina dopo due metri di strada. Alla fine meglio impegnarsi di più per un qualcosa a lungo termine che pentirsene amaramente quando è troppo tardi. Quindi importantissimo è cominciare la giornata con una colazione sana ed abbondante, ricca di vitamine, calcio, minerali, carboidrati buoni e antiossidanti così da risvegliare quella bestia maledetta che ci troviamo nel cranio dal sonno (poi chiaro che senza caffè manco ce se move). Ad esempio io faccio sempre colazione con un bicchiere di succo di pompelmo con un cucchiaio di polvere di Alga Spirulina. A questo si aggiunge il mio mega treat: yogurt alla soia con circa quaranta grammi di muesli all'uvetta, mezza mela, mezzo kiwi,  e qualche mirtillo. Sbavo solo a pensarci. Ma dettagli. Alla fine finisco la mela ed il kiwi da soli. E questo mi permette di tirare avanti, grazie a tutti i preziosi elementi ingeriti, fino all'ora di pranzo con una sferzata di energia (e un bel cappuccino). A metà mattina un frutto non guasta mai, specialmente per chi, come me, deve fare un lavoro in cui sta sempre in piedi ed in movimento e deve mantenersi fisicamente e mentalmente attivo. A pranzo purtroppo torno sempre a casa tardi, quindi per non ingolfarmi di cibo e non avere più fame a cena vado solitamente su un insalata ricca di verdure miste (lattuga, kale, carote, cetrioli, rape rosse, sedano, pomodorini...) e frutta (mango, mirtilli, melograno...) unite rigorosamente a del pesce o della carne bianca (solitamente gamberetti, salmone, granchio, seppie, tonno, pollo, tacchino) con del pane integrale e una bella pera. In questo modo so che arriverò all'ora di cena giusta per cibarmi con dei cereali. Spesso uso la quinoa, o il riso, o il farro, il kamut, il grano saraceno, le lenticchie o l'amaranth. A quello aggiungo zucchine, broccoli, zucca, patate dolci, prezzemolo, origano, pomodori, carote, asparagi, avocado, pollo, tofu, e chi ne ha più né metta! Sempre accompagnato da del pane integrale e un frutto. Sì, sono ripetitiva. Ma felice. 

RIPOSATE! Ricordatevi che il vostro cellulare schizza malissimo se lo caricate male e si esaurisce subito, ricordate? E allora a una certa ora mettetevi a dormire, il giorno dopo vi ringrazierete! Certo, se poi avete una serie da finire è un conto... ma magari riducete gli episodi, in questo modo durerà anche più a lungo :DD Se avete difficoltà a dormire provate a leggere prima di addormentarvi finché non sentite che state letteralmente nemmeno capendo ciò che state leggendo, e poi pof, alletttttto. O fate il gioco dell'alfabeto. Un nome proprio per ogni lettera, avanti e indietro. Alla fine per abitudine il cervello quando comincerete a fare quel gioco dopo qualche lettera si addormenterà automaticamente. Provare per credere. 

b) DO MORE OF WHAT MAKES YOU HAPPY!

Se c'è una cosa che non va è trovarsi sempre a comunque a fare tutto il tempo qualcosa che non piace, che fa stare male, essere in un luogo che ci sta stretto o ci fa sentire a disagio. Per esempio io devo lavorare tutte le mattine fino alle tre di pomeriggio. Quanto arrivo a casa sono stanca, mangio e a volte crollo a letto tutto il pomeriggio così che arrivo a sprecare l'intera giornata. Così il giorno dopo sono frustrata perché mi sembra solo di stare lavorando e non stare facendo nulla di quello che mi rende felice. E scommetto che anche per chi di voi va a scuola molte volte si riduce a questo. Compiti, studio... ARGH!

E' molto importante ritagliarsi del tempo per se stessi. Solitamente, quando posso ed è bel tempo, vado a passeggiare, o in palestra dove mi sfogo e mi sento appagata con l'arrivo dei risultati e il rivalutare la mia tenacia, oppure scrivo, faccio cortometraggi, mi dedico alla fotografia, guardo qualche serie tv, qualche film, leggo, cucino, scrivo, giro video, parlo con voi, mi concedo qualche treat e mi compro qualcosina. Divido tutte queste varie cose che mi piace fare e cerco di considerarli dei goal: se faccio tutte le cose brutte che devo fare riuscirò a fare anche quelle belle, perché una volta finite resteranno solo quelle. Insomma per ogni pomeriggio passato, che ne so, a studiare la sera posso concedermi un paio di episodi e, magari, dopo l'ultima ripassata posso leggere qualche pagina di quel libro che sto leggendo. 

Il tempo va organizzato, anche quando ce n'è poco. Se si parte con "Eh, sì, ma il tempo chi ce l'ha?" allora io non farei video. Ma invece li faccio eccome. E fare cose che rendono felici rende meno stressati e meno vulnerabili agli attacchi dell'ansia. 

c) Scents and Beauty

Non è una novità che i profumi e i prodotti cosmetici possano rivelarsi ottimi alleati contro qualsiasi tipo di stress emotivo. La lavanda, la menta, il sandalo ad esempio riescono a rilassarmi incredibilmente. Il cocco e la vaniglia mi calmano. La cannella, l'arancia e la mela mi ispirano. Capito perché amo le candele profumate?

Per quanto riguarda la bellezza, quando ci prendiamo cura di noi stessi ci sentiamo più appagati e come se ci stessimo coccolando quindi se, per una volta, vuoi prendere quello shampoo profumato, naturale, o quel profumo, o quella crema per il viso per ridurre le impurità.. e fallo. E vedrai che, anche con un solo prodotto, se usato con costanza qualche risultato potrai assolutamente ottenerlo. E sii positivo! Detto da me suona strano, ma l'attitudine fa un po' la differenza, no?

d) Friends.

La frase più banale del mondo: circondati di persone che ti fanno stare bene, ti capiscono, ti vogliono bene e con le quali ti senti a tuo agio. Non cercare di compiacere chi non ti vuole. Non roderti il fegato per chi ti va contro e non obbligartici a starci assieme più del necessario. Questo genere di rapporti è dannoso. Incredibilmente dannoso. Rovina la psiche, l'autostima, le giornate, l'umore, la vita. Ho imparato a mie spese che è ben meglio allontanarci in fretta da chi ci fa stare male.

e) Enjoy Yourself.

Come dico sempre, la vita è un viaggio. E il percorso, con la famiglia, gli amici, facendo ciò che piace, è ciò che conta davvero. Certo, arriveremo alla fine un giorno, ma voglio godermi il tragitto al meglio, con il positivo che si spera di trarne e anche il negativo che è parte naturale delle cose. Quindi cerca, più che puoi, di guardare in faccia ai giorni brutti pensando: domani è un altro giorno e parto daccapo. 


Spero vi sia stato utile e almeno vi abbia un po' rincuorato!

Ellie x

sabato 10 gennaio 2015

Good Food and Health n.1

Tutti mi chiedete sempre specifiche a riguardo, allora ho cercato di essere quanto più esaustiva possibile in un primo post, che sarà seguito da altro. Specifiche su minerali e vitamine e non solo sono sotto questa marea di cibi. :3 fatemi sapere che ne pensate!



FOOD




Spirulina: tra il 51-71% di proteine. È una proteina completa contenente aminoacidi (vasodilatatori, antinfiammatorio, migliora il sistema immunitario, antitumorali) essenziali. Ricchissima di acido folico e vitamine. Inoltre è ricchissima di potassio, rame, ferro, magnesio, calcio, manganese, fosforo, selenio, sodio e zinco. Eccezionale risorsa di beta-carotene, clorofilla. Ottima risorsa di vitamina B, C, E, e A.

Kale: brulicante di antiossidanti, antinfiammatori e anticancerogeni. Questi elementi sono fondamentali per non ricadere nella condizione di stress ossidativo. La kale è particolarmente utile contro i processi di infiammazione dell'organismo, sia che sia in ambito respiratorio che muscolare e mentale. Abbassa il livello del colesterolo. Gioca un ruolo importante nel processo di disintossicazione del corpo. Fonte ricchissima di fibre.

Kiwi: fonte importantissima di vitamina C. Anticancerogeno, previene disturbi come osteoartrite, artrite reumatoide, asma, arteriosclerosi e infarto. Importantissimo antiossidante per l'organismo. Fonte di fibre importantissime contro la stitichezza. Rimuove le tossine dal colon e mantiene il livello degli zuccheri nel sangue a un livello bilanciato. Ricchissimo di Omega 3 e potassio. Oltretutto protegge gli occhi dalle malattie dovute all'invecchiamento.

Porri: Oltre ai benefici all'apparato cardiocircolatorio sono utilissimi grazie alla presenza di kaempferolo dà supporto per problemi come lo stress ossidativo, l'arteriosclerosi, il diabete di tipo 2, l'obesità, l'artrite reumatoide e le infiammazioni da allergie alle vie respiratorie.

Asparagi: uno degli alimenti verdi con forse più minerali quali rame, potassio, magnesio, ferro, selenio, manganese, fosforo, zinco, calcio, vitamine, fibre e un'eccezionale quantità di vitamina K. Hanno proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, anticancerogene, grazie alla grande quantità di fibre sono facilissimi da digerire e supportano il sistema digestivo. Hanno grandi proprietà di aiuto nei confronti di malattie croniche riguardanti il cuore ed il diabete di tipo 2.

Mirtilli: Aiutano la circolazione sanguigna, sono rinomatissimi antiossidanti e migliorano l'apporto di ossigeno al cervello quindi migliorano molto la concentrazione. Sono rinominati 'cibo del cervello' in quanto evitano la perdita di memoria e migliorano le prestazioni celebrali. Ricchissimi di fitonutrienti. Proteggono il sistema nervoso ed il rinforzo dei muscoli e dei tessuti muscolari. Bilanciano i grassi nel sangue, riducono colesterolo e trigliceridi. Sono fatti studi comprovati nel loro effettivo aiuto nell'aumento delle funzioni cognitive, concentrazione e memoria. Utilissimi, grazie alle vitamine presenti, nella protezione della vista oltre a essere risaputi antitumorali.


Bacche Goji: Utilizzate nella medicina cinese da secoli, sono eccezionalmente ricche di antiossidanti e particolarmente utili al mantenimento della vista. Migliorano la qualità del sonno, le prestazioni atletiche, il benessere fisico e mentale. Utilissime nella protezione della vista. Proteggono il fegato, migliorano le prestazioni sessuali, rinforzano le gambe, migliorano la salute della pelle e dei capelli, rinforzano il sistema immunitario, migliorano la circolazione, aiutano la perdita di peso e promuovono la longevità.

Maca: risorsa di energia e vitalità. Aumenta la libido e il bilancio degli ormoni. Antiossidante e ricca di aminoacidi. È molto usata in caso di anemica, sindrome da fatica cronica, oltre a migliorare memoria e fertilità. Le donne specialmente la usano per controllare gli ormoni, per combattere i fastidiosi sintomi mestruali e quelli della menopausa. Utilissima contro l'osteoporosi e la depressione.

Acai: Una delle bacche più salutari al mondo. Fonte traboccante di antiossidanti, stimolante del sistema immunitario. Ricche di antiocianina – una forma di antiossidante vegetale – responsabile dell'abbassamento del colesterolo e del miglioramento della circolazione sanguigna. Riduce gli effetti negativi di una dieta ricca di grassi e aiuta a mantenere un peso sano. Aiuta il sistema digestivo a funzionare correttamente e a mantenersi pulito. Rinforza le cellule contro i radicali liberi. Ricca di fitochimiche vegetali (antiossidanti) previene l'invecchiamento del cervello e il danno ossidativo dovuto all'età. Aumenta i livelli di energia e stamina ed aiuta nella lotta contro la stanchezza e l'esaurimento. Previene lo squilibrio mentale dovuto alla menopausa.

Semi di Chia: Ricchissima fonte di acidi grassi Omega 3, sodio, calcio, proteine, fibre, fosforo e manganese. Importantissimi antiossidanti. Quasi tutti i carboidrati presenti diventano fibre e sono brulicanti di proteine, considerandolo un alimento quasi completo. Controllano l'appetito e migliorano la salute di unghie, pelle e capelli. Sono oltretutto una grandissima fonte di energia.

Semi Flax: Ricchissimi di fibre, acidi grassi Omega 3. Abbassano il colesterolo. Prevengono il cancro alla prostata e al seno. Stabilizzano il livello degli zuccheri nel sangue e riducono il rischio di diabete. Un consumo eccessivo in mancanza di liquidi, a causa delle fibre, potrebbe bloccare l'intestino. Uno dei componenti fondamentali è il Lignano, un antiossidante importantissimo ed estrogeno vegetale.

Semi di Girasole: Oltre ad essere ottima fonte di acidi grassi, sono utilissimi per la detossicazione e la prevenzione del cancro. Sono una fonte spaventosa di magnesio, questo gli permette di ridurre la gravità dell'asma, abbassare la pressione sanguigna e diminuire le emicranee riducendo oltretutto il rischio di attacco di cuore e infarto. (Il resto delle informazioni sul magnesio si trovano nella sezione nutrienti, in basso.)

Amaranth: i semi e l'olio hanno dei benefici sull'apparato cardiocircolatorio e l'ipertensione. Riducono la pressione sanguigna e il colesterolo. Ottima fonte di antiossidanti.

Quinoa: Altissimo contenuto di proteine, è una risorsa completa. Ricca di magnesio, fosforo, ferro e fibre dietetiche. Contiene anche ragionevoli ed interessanti livelli di calcio.

Raw Cacao: Probabilmente la più alta fonte di antiossidanti al mondo. Ha altissimi benefici sull'apparato cardiovascolare. Favorisce la circolazione del sangue. Ha particolari benefici nell'ambito dell'apprendimento e della memoria. Sembrerebbe abbassi la pressione sanguigna. Altissime quantità di magnesio e ferro sono contenute in questo prodotto.

Rape Rosse: Disintossicanti e fonte di beta-carotene oltre a betaine e altri elementi che beneficiano, per l'appunto, la disintossicazione dell'organismo. Ricche di manganese, potassio, rame, magnesio e fosforo. Sono antiossidanti ed antinfiammatorie. È specialmente utile nel supporto della salute del tessuto dei nervi. Le fibre contenute, differentemente da quelle comuni, sono particolarmente utili al sistema cardiocircolatorio.

Salmone: aiuta la formazione di cartilagine fra le ossa, ricco di Omega 3, insulina e controllo del tratto digestivo. La calcitonina presente nel salmone è un ormone presente nelle ghiandole tiroidee che regola e stabilizza il bilancio di collagene e minerali nelle ossa e i tessuti circostanti. Migliora il funzionamento del cervello e delle trasmissioni dei segnali tra cellule, sempre grazie agli acidi grassi Omega 3 contenuti. Ottimo contro attacchi di cuore, infarti, aritmia, pressione e trigliceridi alti. Diminuiscono anche il rischio di depressione e ostilità nei teenager. Diminuisce i rischi di declino cognitivo negli anziani. Ha un azione antinfiammatoria sul tessuto nervoso. Aiuta il corretto funzionamento e la protezione delle giunture del corpo grazie anche alle proteine presenti. Protegge la vista dal degenero maculato e dalla sindrome degli occhi sempre asciutti. Protegge l'apparato cardiocircolatorio grazie alla presenza di selenio.

Gamberi: pochissime calorie ma una miniera di nutrienti, proteine, carotenoici, selenio e sali minerali.

Patate Dolci: una delle più grandi risorse del mondo di beta-carotene. Una fonte incredibile di vitamina A, manganese, potassio e fosforo. Famosissime per il loro potere antiossidante e puro oro per il sistema digestivo. Le patate dolci producono sporamine, un'antiossidante che gli permette di rigenerarsi quando danneggiate. Parte dei benefici di questo processo passano a noi durante la digestione. Fondamentali contro l'infiammazione del corpo e risorsa per migliorare la coagulazione delle ferite. Un eccessivo consumo di questa sostanza potrebbe portare ad un infastidimento del sistema nervoso. Come è risaputo sono un grande apporto di carboidrati in grado però di regolare il livello di zuccheri nel sangue senza creare una sensazione di sprint seguita da un calo improvviso. È stato recentemente scoperto che hanno proprietà antibatteriche e antifungali.

Noci: ricchissime in vitamina E. I nutrienti all'interno delle noci influenzano la buona composizione del sangue, la presenza di elementi antiossidanti e antinfiammatori, la composizione e flessibilità dei nostri vasi sanguigni e tutto questo è di grandissimo beneficio al cuore. Aumentano la qualità del sangue e ne diminuisce la coagulazione interna. Potassio, calcio e magnesio sono presenti in quantità eccezionale e permettono il bilanciamento della pressione sanguigna. Aiutano le ossa, sono anticancerogene e miracolose per pelle e crescita e salute dei capelli. Sono utilissime per il mantenimento di sani processi cognitivi e migliorano la memoria. Possiedono, addirittura, benefici derivati dalla presenza di melatonina e quindi miglioramento della qualità del sonno e del rilassamento generale.



NUTRIENTS


Gli acidi grassi essenziali apportati non sono prodotti naturalmente dal nostro organismo (omega 3, omega 6, omega 9). Tali acidi agiscono sulla regolazione dell'umore, hanno effetti antinfiammatori a livello delle cellule, aiutano la formazione ed il mantenimento di collegamenti tra cellule in modo da velocizzare il transito di nutrienti e l'apporto nutritivo. Sono fondamentali per lo sviluppo del cervello. Abbassano anche il rischio, in dosi controllate, di rischi cardiovascolari. Sono provati avere una buona efficacia nei trattamenti contro la depressione promuovendo la circolazione e produzione di serotonina. Hanno (Acido Docosaexonico) la potenzialità di prevenire lo sviluppo dell'Alzheimer e il declino della mente. In particolare è utilissimo nel mantenimento della memoria e della scaltrezza mentale. Oltre a flessibilità della mente e funzioni cognitive, oltre all'uso del vocabolario. A beneficiarne molto è anche il sistema nervoso. L'Acido Archidonico protegge dallo stress ossidativo e attiva la syntaxina-3 responsabile della crescita e riparazione dei neuroni.

Vitamina A: Migliora il sistema immunitario e la vista. Utilissime nella cura e mantenimento della pelle e fonte di betacarotene.

Vitamina B1: essendo fondamentale nella separazione primaria dei carboidrati permette la creazione e l'aumento dell'energia nel corpo. Il cervello è uno dei tessuti più affamati del nostro intero organismo, per questo la carenza di questa vitamina ha conseguenze sul sistema nervoso. Inoltre, la vitamina B1, ha un ruolo chiave nella struttura e l'integrità delle cellule celebrali.

Vitamina C: Utile nell'aiuto per malattie croniche come artriti reumatoidi e cataratta.

Vitamina E: protegge le cellule dall'ossidazione e contro i radicali liberi. Promuove la crescita muscolare, velocizza la guarigione delle ferite e la rigenerazione cellulare.

Rame: Proprietà antiossidanti, aiuta l'integrità dei tessuti ossei e serve ad assorbire il ferro nelle cellule, ragion per cui è un ottimo energetico. Deve essere sempre in abbinata con il ferro. Presentissimo in lenticchie e semi di sesamo.

Ferro: Migliora il trasporto dell'ossigeno alle cellule aumentando l'emoglobina, questo lo rende uno dei maggiori responsabili dell'energia dell'organismo. Una sua mancanza porta a un affaticamento dei tessuti muscolari e degli organi. Inoltre, per bruciare calorie il ferro è un componente essenziale nel metabolismo. Più velocemente le cellule si ricambiano più forti e giovani sono e meglio lavorano. (Semi di soia, lenticchie, spinaci...)

Magnesio: gioca un ruolo chiave nel metabolismo osseo. E' un componente chimico fondamentale per la produzione di energia nelle cellule e nel corpo. Bilancia il sistema nervoso chimicamente, permettendo di combattere la depressione oltre ad essere un potente antinfiammatorio. Oltretutto controlla i livelli di zucchero nel sangue. (Semi di zucca, spinaci, cardo svizzero, quinoa, semi di girasole, frutta secca...)

Manganese: aiuta la produzione ossea, e l'integrità della pelle essendo un antiossidante necessario alla creazione naturale di collagene. Utilissimo per il bilancio degli zuccheri nel sangue ed alleato nella lotta contro i radicali liberi

Fosforo: è un minerale fondamentale per l'esistenza stessa delle cellule e parte necessaria della mineralizzazione corretta delle ossa. Esso infatti controlla l'assorbimento del calcio e la loro crescita e forza. È importantissimo per creare energia in quanto la divisione dei nutrienti nello stomaco avviene grazie alla presenza di tre tipi di fosforo che permettono l'assorbimento di tali nutrienti allo stesso tempo, creando energia. Bilancia i livelli di acidità di tutte le parti del corpo.

Calcio: fondamentale per la salute delle ossa in quanto è l'elemento che ne mantiene la forza e la giovinezza. Il 99% del calcio si trova infatti nei nostri denti e nelle nostre ossa. Regola, inoltre, acidi e alcaline. Il Ph del sangue è infatti fondamentale per sostenere la vita e controllare processi come il ritmo respiratorio e il trasporto dell'ossigeno nel sangue. Il calcio è l'elemento più importante nell'invio dei segnali di tensione e rilassamento ai nervi. In caso di insufficiente apporto si causano dolori e spasmi.

Potassio: migliorando il funzionamento dei reni, il miglioramento del flusso sanguigno e la dilatazione dei vasi sanguigni permettono al potassio di regolare la pressione. Aiuta moltissimo nella prevenzione di calcoli renali.


Zinco: fondamentale per il corretto funzionamento del sistema immunitario. Combatte l'acne e beneficia la pelle. Una carenza può risultare in perdita del gusto e dell'appetito, oltre che alle sensazioni dei cinque sensi. È oltretutto fondamentale, assieme alla vitamina A, per il corretto funzionamento della vista.

PS: Un ottimo fornitore italiano di molti di questi nutrienti è il sito CIBOCRUDO!

giovedì 8 gennaio 2015

Not enough time




Do you ever have the feeling you don't have enough time to do all the things you want to do?

I do. Lately more than usual. I remember a friend of mine used to tell me he was getting frustrated about the fact that he wanted to study as much as he could, train, do stuff but he was compelled to sleep at some point and to him that time was wasted.

At that time I thought he was exaggerating and I felt that being in his mind must be incredibly stressful and frustrating. But now... I think I understand the feeling.

Now let me explain, I know it sounds crazy:

a) I love studying. Yes, I admit I do. But not everything. I like to learn about things that I find interesting and, unluckily (or luckily?) for me, they are an awful lot. I regret so much not to have studied in a different high school because of this, too. I am not studying all of the things I used to, now, as my uni is very sectorial. Also, I work, and it takes away a lot of time to this. In addition, I am an extremely unorganised and inconstant person, which means I start all the way with something and I then get absorbed in something else which makes all the effort I put into my previous work pretty much useless. It happened, for example, with philosophy which I absolutely love but that doesn't sound as interesting when you're studying it on your own. I like to have actual people explaining things. I literally adore listening to good teachers and professors. Or even friends of mine explaining me stuff. I plan on learning loads of stuff by myself: philosophy, literature, history, physics, maths, history of art... It's just... such a nice feeling to be able to know all those things! Argh, I get chills just talking about it!

b) As many of you know I am in the middle of a very important and time-taking process of writing a book. I am almost to page 200 and it is taking away most of my time. Well, I want it to. Thing is I get very distracted by the internet and it is very difficult to me to write while I am at home here in Italy. I need to be surrounded by a specific environment to be able to put all my effort into writing. This is one of the reasons why my writing has been inconsistent during this last year. But I am now fully back on it and working like crazy on organising all of the research I did about the main topic and all the things I already wrote. It's harder than it sounds, I had genuinely forgot how hard you have to work to make something like that work.

c) I am a book addict. That's as much as I can say to justify myself (if I really have to). I am always reading some kind of books and sometimes even more than one at the time. My favourite time to read is before bed, as it relaxes me and I get fully on it. Lately, though, I have been dedicating myself a lot to writing so I struggled to find the time to read. This year, in addition, I set myself a goal of books to read, so I really want to read them all! It's just frustrating I can't do more than one thing at once.

d) I really enjoy training, going to the gym or keeping myself fit, anyway. It's nothing too big, I just enjoy keeping myself busy and for a mind as stressed and agitated as mine that's the best way of calming me down and just make me proud of what I do. I know it sounds weird said by me, but I genuinely get disappointed when I don't manage to do anything during the daytime. It just makes me feel good, maybe it's because of endorphins I have no idea but it just is and I struggle to find the time to do that also because it's freaking cold outside!

e) I am a film-lover and I spend days browsing through different kind of films, trying to find the one that suits my taste and sounds interesting. When I get into one, then, I need to make everyone aware of how good or how bad it is so it also takes away time emotionally. I know, it's weird, it's just that I have a massive list of films I want to see and between all of these things to do... how the hell am I going to find the time to watch a 2 or 3 hours film? In my sleep?

f) I unfortunately (or luckily?) work. So that... definitely takes away a lot of time. And it's tiring too. And when I am tired creating is just out of reach. Like, definitely impossible. My mind shuts down and oh, that's frustrating.

g) This is definitely unfortunate because I have sometimes to go to doctors to get checked, and we all know how long we usually wait at the doctor/dentist/therapist.

h) My physiological need to eat can't really be skipped and I am also quite picky, as many of you know. This means I spend a lot of time buying organic and good stuff I can make into something appealing and healthy. I noticed such a HUGE improvement in my health since I have been doing this that is actually... incredible and I'll never stop suggesting this to everybody.

i) I aaaaalso work as a Youtuber, videomaker and photographer so... that is not a job that takes away just a few minutes. I wish it did! Oh, well, I'd actually prefer the other one to do so. But yeah, I need to be available all the time and when someone needs a shoot it may take away entire days! And let's not even start with the editing. That takes ages sometimes.

l) I have friends and a family I cannot really ignore. And I don't want too. Sometime though, I have no idea how to manage it all.

So that's part of what's going on in my head. There are loads of other more private things I have to do and keep checked and think about and I am just HOW THE HELL CAN I DO ALL THIS, I WANT TO DO ALL THIS, WHY CAN'T I? I slept less and less, I tried to do more at once but.. yeah it doesn't help. So yes, that's frustrating. I feel like I need a timeturner.

Just join me into this rambling of stress.

Did it ever happen to you? When? How?

x

Ellie